110_8aaa0a85484adf44e2a05e9f8e2daa5b.jpg

Bizzi intervista il Prof Taormina sulla denunzia di Maiorano a Renzi.

Inspiegato comportamento della Procura di Firenze, sia in relazione alla presunta diffamazione ai danni del Presidente del Consiglio, sia riguardo alle accuse di corruzione, peculato, riciclaggio e associazione a delinquere rivoltegli da Alessandro Maiorano

110_c26e6d0e4ebc18fc6d1768264dbd37d0.jpg

CREAZIONE MONETARIA FUNZIONALE E INFLAZIONE

Una serenata a Leopolda

110_a75c9b14a5285c69d641a1fbb4e51048.jpg

La bastonata a Renzi arriverà dal duo Taormina-Maiorano

Intervista esclusiva a Carlo Taormina, aggiornamenti sulla denuncia a Renzi

110_11647f092a9a1f93ff9428ad40defb8f.jpg

EURO-ANSCHLUSS: IL FANTASMA DI MORGENTHAU

Verso la fine della II Guerra Mondiale gli USA avevano un piano, il Piano Morgenthau, per eliminare dopo la guerra tutte le industrie tedesche, facendo della Germania un paese puramente agricolo. Il mezzo per ottenere ciò era semplice: imporre alla Germania l’unione monetaria con gli USA, la cui moneta era allora molto forte: il prezzo delle merci tedesche si sarebbe moltiplicato e le aziende avrebbero chiuso, non potendo più esportare, e l’industria yankee avrebbe preso i suoi mercati e i suoi assets migliori gratis o quasi. Gli Stati Uniti non fecero questo alla Germania dopo la sua resa, però la Germania Ovest lo fece poi alla Germania Est negli anni ’90. E ora lo fa all’Italia.

110_1d1580fe9b93453ed7a50f8f849a95b0.jpg

EURO-ANSCHLUSS: IL FANTASMA DI MORGENTHAU

Verso la fine della II Guerra Mondiale gli USA avevano un piano, il Piano Morgenthau, per eliminare dopo la guerra tutte le industrie tedesche, facendo della Germania un paese puramente agricolo. Il mezzo per ottenere ciò era semplice: imporre alla Germania l’unione monetaria con gli USA, la cui moneta era allora molto forte: il prezzo delle merci tedesche si sarebbe moltiplicato e le aziende avrebbero chiuso, non potendo più esportare, e l’industria yankee avrebbe preso i suoi mercati e i suoi assets migliori gratis o quasi. Gli Stati Uniti non fecero questo alla Germania dopo la sua resa, però la Germania Ovest lo fece poi alla Germania Est negli anni ’90. E ora lo fa all’Italia.

110_6a108a4d9684b80e19f2a1913eeebc7a.jpg

DOGMI E CENSURE CREANO CONSENSO

Notoriamente, se un’affermazione, per quanto falsa, viene ripetuta decine di migliaia di volte soprattutto dalla tv, alla fine la gente la sentirà come vera.

110_3818546184e7e3920ceeef6c5aee84ef.jpg

OGM: Italia ed Ungheria unite contro le multinazionali del veleno

Vertice di primo piano sul tema OGM

110_3818546184e7e3920ceeef6c5aee84ef.jpg

OGM: Italia ed Ungheria unite contro le multinazionali del veleno

Vertice di primo piano sul tema OGM

110_7683910bd387ced516e4b11d7b7acc24.jpg

Sconvolgente! La Banca d’Italia sta ritirando dalla circolazione le banconote da 200 e da 500 Euro!

Se fate un prelievo in un qualsiasi ufficio postale vi diranno che non hanno in cassa tagli da 200 e da 500 Euro. La Banca d’Italia ne avrebbe ordinato il ritiro dalla circolazione.

110_a701bcab6a66e5a5ca9d99ffda29339d.jpg

Anche gli imperi hanno le loro discrepanze amministrative.

Non sono poche le testimonianze, anche autorevoli, che raccontano una Roma che, almeno sotto uno dei tanti profili burocratici, aveva diversi problemi a procedere.

110_869296f95fc041f3213db4a2d65d2cab.jpg

Gianmarco Maraviglia, docente all’Istituto Europeo di Design, va in Siria a documentare il ritorno degli armeni all’antica patria

Gianmarco Maraviglia è docente all’Istituto Europeo di Design, dove si è diplomato in fotografia. Un appassionato del fotogiornalismo ed in particolare della multiculturalità e delle questioni sociali. Dopo un reportage sul Kosovo visto 15 anni dopo la guerra, dopo un’indagine sul popolo greco che abbandona la zona continentale per spostarsi verso le isole, dopo un lavoro sulle scene hip-hop ed underground dell’Egitto post rivoluzionario; adesso si avvicina alla Siria con un progetto fotografico Land of Fathers, La Terra dei Padri, che vuole raccontare le difficoltà degli Armeni siriani costretti a ritornare nella patria originaria, l’Armenia.

1 2 3 144