Si allungano i tempi per la pensione

Purtroppo per tutti coloro che grazie al governo Monti si sono visti allungare i tempi per poter usufruire del trattamento pensionistico, sembra che arrivino nuove cattive notizie anche dal governo Renzi che con grande probabilità farà slittare ancora l’arrivo del vostro agognato assegno mensile.

 Non si tratta di uno scherzo ma di quanto paventato dal ministro Padoan che tuona: “Non sono a favore di una diminuzione dell’età pensionabile ma di un graduale aumento”.  Commentando le decisioni prese in senso contrario invece da altri Paesi europei spiega: “Mi chiedo cosa succederà in Germania dove sono andati nella direzione opposta”.   Forse resosi conto dell’errore politico che ha commesso e delle possibili reazioni del suo premier ha però voluto sottolineare che “Non ho detto che il governo stia pensando ad alzare l’età pensionabile, è già indicizzata dall’aspettativa di vita. Le misure che in altri paesi vanno verso l’abbassamento dell’età pensionabile secondo me sono inefficaci”.

Ed è così che il ministro cerca di convincere i pensionati che la scelta presa da tutti quei Paesi, compresa la Germania, che stanno rivedendo al ribasso gli anni necessari per andare in pensione creerà se non un dissesto economico sicuramente problemi seri. Tutto questo per cercare di rabbonire la pillola agli italiani, ovvero spiegargli che non si tratta solo di una sola volontà ma della conseguenza derivante dalla longevità sempre maggiore che non potrà che portare anche ad un allungamento dei tempi per poter godere del meritato riposo.

Quel che più ci preoccupa però è che in previsione una nuova manovra da 4 miliardi di euro, quella che potrebbe chiederci l’Europa, come raccomandazione per mettere a posto i nostri conti anche se, considerando i rapporti tra Renzi e l’Europa con grande probabilità avremo oltre alla bastonata anche la carota con la quale l’Ue darà giudizio positivo alle riforme messe in atto o ancora da approvare dal governo.

Guerriero del Risveglio