Made in Italy in India

7

Si è concluso con successo il 25 gennaio il terzo Food Hospitality World (FHW), in India a Mumbai che ha messo a disposizione 5 mila metri quadrati di sala espositiva.

Una iniziativa organizzata da Fiera Milano e The Indian Express Limited, casa editrice indiana con pubblicazioni in 7 lingue, facente parte dell’Express Group.

Infatti, Mumbai ha il 40 percento della capacità di importazioni di alimenti e bevande di tutta l’India, che spende il reddito familiare per il 57 percento, mediamente, in prodotti alimentari o al settore alberghiero che, per quanto riguarda le forniture, ha un valore di 11 miliardi di dollari in crescita costante, che si prevede, per i prossimi 2 anni, pari al 48 percento.

Inoltre anche i governi sono favorevoli a una tale espansione dell’alberghiero, con l’approvazione di 781 nuovi progetti e l’espansione di Bangalore che in pochi mesi ha realizzato ben 7 hotel di lusso.

La fiera, con l’obiettivo di promuovere il prodotto italiano nel mondo e in particolar modo nei mercati in crescita, ha ravvisato questi ultimi, per il 2014, in Cina, India e Brasile, che hanno mostrato una particolare crescita nella richiesta di prodotti stranieri e attenzione particolare a quelli italiani. Iniziativa molto ben riuscita, a cui hanno partecipato 115 marchi made in Italy, 60 aziende, 18 espositori singoli e diretti.

Tra 9 e 11 aprile prossimo a San Paolo ci sarà la fiera per il mercato brasiliano, al Transamerica Expo Center; mentre la Cina sarà toccata questo settembre, 25-27, a Guangzhou, Canton, al China Import & Export Fair Complex; vi si aggiunge poi quest’anno anche il mercato sudafricano con Cape Town, 26 maggio. Come sempre in loco, grandi occasioni per prendere contatto con operatori locali garantiti da Fiera Milano, il tutto con l’assistenza per l’allestimento, dogana, assicurazione, l’interpretariato e l’amministrazione logistica.

 

Giselda Campolo

c4