Lucia Annunziata, la portinaia del “Loft”

1

L’Annunziata, ha colpito ancora una volta. Ieri, domenica 24 Novembre, in mezz’ora ne ha collezionate così tante e così maldestramente che ai contribuenti RAI sarà rimasto tutto sullo stomaco. Infatti, all’interno della trasmissione “In Mezz’ora” , in onda come ogni domenica su Rai Tre, è stato registrato l’ennesimo picco di piaggeria piddìno-renziana, semplicemente disgustoso. Gli ospiti presenti in studio, entrambi appartenenti al movimento grillino (l’infermiera Paola Taverna e lo studente fuoricorso  Luigi di Maio, rispettivamente senatrice e vicepresidente della Camera dei Deputati), hanno trattenuto a stento le risa. Evidentemente esterrefatti ed increduli davanti a tanta lucida ottusità, hanno impiegato 25 dei 30 minuti a ribadire un concetto tanto elementare quanto ostico per la conduttrice: “Noi del MS5, non siamo all’opposizione con Berlusconi. Lo riteniamo un nemico politico”. A leggerlo pare facile, ma nulla da fare. Lei, l’Annunziata, nel tentativo di riuscire ad estorcere una mezza frase, pur di far loro confessare l’inconfessabile e così rendere felice il decadente pd, ha cercato in ogni maniera di mischiare le carte, parlando di opposizione berlusconiana; non rendendosi conto di mandarli a nozze (a quelli del MS5): “Siete all’opposizione con Silvio Berlusconi”! Lo avrà ripetuto cento volte, senza prestare ascolto alle risposte che le venivano sottoposte di volta in volta. più insisteva, più il suo esercizio veniva meno. Uno spettacolo triste di due generazioni a confronto incapaci di dialogare: una scattante e veloce, l’altra disgustosamente incapace e monolitica, tipico paradigma dei tempi correnti. L’unico collante? Il cavaliere. Talvolta, pur di non esporsi pubblicamente, è bene mascherarsi dietro al dipinto del demonio, soprattutto dopo aver raccattato una legnata pazzesca alle regionali di sette giorni prima e non saperne spiegare il perché all’elettorato.

c4