I Simpsons contro Letta?

letta1

Una premessa: occhio a non cadere nel vile tranello “noi siamo meglio di voi” poiché il popolo americano vive male come vive male il popolo italiano/europeo; e la causa è comune a tutti ed è una sola: politica. Nessun/a statunitense ha piacere nel prenderci in giro, anzi. Luoghi comuni a parte, la reputazione italiana all’estero è sempre gagliarda. Ecco perché questo genere di notizie dall’estero va attentamente analizzato per il verso giusto, altrimenti si rischia di fomentare una guerra tra consimili: nulla di più gradito per quel genere di persone le quali trovano utile manipolare le emozioni infastidendo la comunicazione. Ma ormai, dopo tanta “palestra”, siamo allenati/e a riconoscere al volo il marcio. Per questo possiamo tranquillamente dare una lettura corretta del senso di quanto è accaduto: negli USA non hanno avuto pietà NON per noi (popolazione italiana) MA per lui: Enrico Letta. Proprio lui che, non più di una manciata di giorni fa, si pavoneggiava tanto dagli studi televisivi americani. Ed eccolo lì: ieri l’altro, su tutte le televisioni nazionali del canale Fox, è andata in onda l’ennesima puntata del popolarissimo cartone animato “The Simpsons”. Una puntata di fuoco in cui la corruzione della scuola di Lisa e Bart è paragonata alla corruzione del parlamento italiano: “This scool is more corrupt than the italian Parliament”, recita una battuta del copione – trad. “Il livello di corruzione di questo istituto è maggiore rispetto al livello di corruzione del Parlamento italiano”. Che botta ragazzi. E forse non sarà nemmeno l’ultima. Chi mastica di questioni riguardanti i “club di potere” sarà stato sfiorato da un dubbio: forse il CFR lo vuol tenere sulla corda? Talvolta dietro ad una banale affermazione – come quella di un cartone animato, come in questo caso – si può nascondere dell’altro; decifrabile solo dai diretti interessati.

 

c4