110_7683910bd387ced516e4b11d7b7acc24.jpg

Sconvolgente! La Banca d’Italia sta ritirando dalla circolazione le banconote da 200 e da 500 Euro!

Se fate un prelievo in un qualsiasi ufficio postale vi diranno che non hanno in cassa tagli da 200 e da 500 Euro. La Banca d’Italia ne avrebbe ordinato il ritiro dalla circolazione.

marcodellaluna

Ucraina: la guerra europea degli idioti pericolosi

Le menti geostrategiche di USA e UE avevano già convincentemente manifestato il loro livello di intelligenza e lungimiranza nelle campagne di pacificazione, stabilizzazione e democratizzazione di Iraq, Afghanistan, Libia, Egitto. In Siria mesi fa stavano per aiutare gli insorti jihadisti bombardando l’esercito siriano, e ora aiutano l’esercito siriano bombardando i jihadisti.

deflazione-m

Italia in deflazione, non accadeva dal ’59 e l’occupazione continua a diminuire

Dati Istat: prezzi al consumo calati dello 0,1% ad agosto (dati provvisori), il Paese è in deflazione. Disoccupati in aumento del 2,2% rispetto al mese precedente (+69 mila) e del 4,6% su base annua (+143 mila).

istat

Dati Istat: diminuiscono le vendite e la fiducia dei consumatori

Nel corso dell’estate continuano i segnali negativi del quadro congiunturale economico. Ma per la politica le “emergenze” e le priorità sembrano altre….

110_490d312957ec046762ec5a7120b3f8ae.jpg

Confessioni di un sicario dell’economia. Critica al testo di John Perkins

“facciamo prestiti a Paesi come Ecuador sapendo benissimo che non li restituiranno mai; anzi, non vogliamo proprio che onorino i loro debiti, perché è il mancato pagamento ciò che ci consente di tenere il coltello dalla parte del manico. In condizioni normali, correremmo il rischio di esaurire i nostri fondi; dopotutto nessun creditore può permettersi troppi debitori inadempienti. Ma le nostre non sono condizioni normali. Gli Stati Uniti battono una moneta che non è garantita in oro. Anzi, non è garantita da nient’altro che una generale fiducia internazionale nella nostra economia e nella nostra capacità di schierare a nostro sostegno le forze e le risorse dell’impero che abbiamo creato”

110_751d6035bac5ebea5ff4a340d06f71b8.jpg

Trattamenti pensionistici delle donne inferiori a quelli degli uomini

Disuguaglianza di genere nei trattamenti pensionistici erogati: lo rileva l’Istat analizzando i dati fino al 2012. L’importo medio annuo delle pensioni alle donne è mediamente pari a 8.965 euro, il 60,9% di quello delle pensioni di titolarità maschile, che si attesta a 14.728 euro medi.

marcodellaluna

DOVE PORTANO QUESTE RIFORME

di Marco della Luna, avvocato in Mantova Ci sono due linee di riforme “indispensabili per la crescita”. Linee convergenti. Pericolosamente. La prima linea è istituzionale-strutturale e sta producendo: -svuotamento dei poteri e dell’autonomia degli Stati nazionali parlamentari -concentrazione dei poteri politici […]

110_3238387b499894bbb65e16bb56215baa.jpg

Il nuovo IRI: l’unica via di salvezza!

Il ruolo dello Stato come lo abbiamo conosciuto in passato ha subìto, nel corso degli ultimi decenni, una serie di attacchi tesi allo svilimento delle proprie funzioni offrendone, di conseguenza, un affresco di riferimento totalmente scollato dalla realtà.

110_ed7034b31579eb357298db6cde696423.jpg

Produzione industriale ancora giù

Istat: a maggio 2014 l’indice destagionalizzato della produzione industriale è diminuito dell’1,2% rispetto ad aprile. Corretto per gli effetti di calendario, a maggio 2014, l’indice è diminuito in termini tendenziali dell’1,8% (i giorni lavorativi sono stati 21 contro i 22 di maggio 2013).

110_5c5cc8908478a4abf908a5b8a984b16a.jpg

Canale del Nicaragua: Pechino sbarca a Panama

Una via d’acqua da 40 miliardi per unire Atlantico e Pacifico

110_3faebeef08bbb7199d8f90b5787bd34c.jpg

La crisi industriale italiana nel contesto europeo

L’attuale fase recessiva della nostra economia, si sta rivelando particolarmente lunga e intensa, nonostante la moderata attenuazione osservata negli ultimi mesi del 2013.
A differenza di altre fasi cicliche di crisi, nel nostro Paese la caduta dell’output produttivo si manifesta con un’ampiezza maggiore rispetto a quella di molti partner dell’Unione europea.

110_fca8b92293560a5b5685393487c37c1b.jpg

Consumi delle famiglie ai livelli di dieci anni fa

L’Istat ha diffuso i dati dell’indagine sui consumi delle famiglie italiane che continuano a diminuire. Anche nel 2013 c’è stato un calo dei consumi del 2,5 per cento rispetto all’anno precedente.