110_8d347f8a648a2fdfe8ddd87aec858fc0.jpg

Le prospettive per l’economia italiana: qualche miglioramento ma molte incertezze

L’Istat ha iniziato la diffusione di una nuova serie di comunicati concernenti le previsioni economiche nazionali. Le prospettive per l’economia italiana sono in lieve miglioramento ma permane l’incertezza legata al mercato del lavoro, alla domanda internazionale, al tasso di cambio e all’offerta di credito

110_62d6df4f273d983212144100964ed48a.jpg

Giocare con i touchscreen rallenta l’apprendimento dei bambini

Uno studio del “Cohen Children’s Medical Center di New York” boccia anche le application educative digitali che girano su tablet e smartphone vari, meglio i giochi tradizionali.

110_4f840a8987181b9a68501f0440df8f6c.jpg

Sei milioni di italiani vivono in comuni con elevato rischio idrogeologico

Secondo i dati analizzati dal Consiglio nazionale dei geologi nel paese vi sono 29.500 Kmq di aree ad alto rischio idrogeologico

110_e689cd6702f62846fccb22106a602cc0.jpg

Fmi: “Misure per riaprire il credito in Italia aumenterebbero il Pil di oltre il 2%

Il Fondo Monetario Internazionale in un capitolo dell’ultimo rapporto “World economic outlook – April 2013″ dichiara: “Mentre Germania e Stati Uniti hanno quasi del tutto superato la stretta creditizia sperimentata durante la crisi, altri paesi sono ancora alle prese con le debolezze del settore bancario”

110_3402d1441c46610a462e43e140f458ac.jpg

Popolazione ed ambiente in Italia: comportamenti e opinioni

Pubblicata un’indagine dell’Istat su popolazione e ambiente in Italia. Secondo i dati presentati meno della metà della popolazione italiana si interessa dei temi ambientali, molti di meno quelli che partecipano attivamente ad iniziative ambientali. Circa il 50 per cento si dice preoccupato dell’inquinamento atmosferico e dei cambiamenti climatici.

110_22914681b4ea13df5bc0a8cc612c5a0a.jpg

La Marina militare statunitense è riuscita a trasformare l’acqua marina in carburante

Incredibile ma vero. Gli scienziati della Marina Militare Americana sono riusciti a trasformare l’acqua marina in carburante. Catturando l’anidride carbonica e l’idrogeno delle acque, è stato possibile produrre un carburante adatto a far muovere velivoli e navi alimentandone il motore.